Cento giorni di paura e nostalgia

di Riccardo Scorsolini

Cento giorni… cento giorni…

Due semplici parole che risuonano incessantemente nella testa degli studenti, quasi come il rullo martellante dei tamburi nel film “Jumanji”. Poche parole che hanno però il grande potere di preoccupare, angosciare e terrorizzare, in un climax ascendente di emozioni che avvolgono e lasciano immobili, spaesati. E non si esagera di certo affermando ciò, poiché il traguardo dei cento giorni all’esame segna di fatto un punto di non ritorno, che apre le porte ad un futuro molto spesso incerto, a dir la verità. E di nuovo ci si sente impreparati, perché l’oltrepassare tale soglia ci proietta subito con la mente al momento fatidico, quando, di fronte a quella commissione, dovremo dare il meglio di noi stessi.

È certamente la fine di un’era, e insieme ai sentimenti negativi riaffiorano tutti i ricordi di cinque anni meravigliosi (almeno per alcuni) e impossibili da descrivere per la loro intensità e bellezza, in cui, insieme a numerosi compagni di ventura, ormai divenuti fratelli e sorelle, quasi parti di noi stessi, abbiamo affrontato ostacoli, cavalcato venti favorevoli, lottato contro quelli contrari, cadendo e rimettendoci in piedi ogni volta: in una parola, siamo cresciuti, scoprendo cose che non ci aspettavamo sia sugli altri sia su noi stessi.

I cento giorni all’esame preannunciano e preparano ad una sfida, una delle più grandi mai affrontate. E anche se il cuore batte forte, le gambe tremano, e la gola si chiude come prima di una battaglia, è necessario essere fiduciosi. Fiduciosi nel fatto che, con un così grande esercito di persone, esperienze e ricordi alle spalle, questo scontro non può che concludersi con la nostra vittoria, affermando di fatto ciò che siamo diventati e preparandoci per quello che saremo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...